Padre ALDO MARCHESINI
Medico e Missionario Dehoniano a Quelimane (Mozambico)
Sito Ufficiale
Martedí  25-7-2017   ore  4:46    Buona Notte   IP 54.158.25.146

Torna alle notizie 2017

11-2008
Abbiamo ricevuto da Padre Aldo di ritorno dal viaggio a Beira per eseguire numerosi interventi in quella località, le lettere che pubblichiamo. Pensare che per la banale rottura di una cinghia del ventilatore hanno dovuto perdere un giorno ed il povero autista si è dovuto sobbarcare venti kilometri di cammino, ci dà una idea di quali siano le difficoltà in cui Padre Aldo si trovi a lavorare, eppure ha operato ben 28 pazienti in pochi giorni!.
Come potete leggere nell'ultima lettera, inoltre la crisi economica si fa sentire anche laggiù e molto peggio che qui da noi.


18 novembre 2008
Carissimi,
sono arrivato a Beira dopo un viaggio di 635 km. Alla fine Beira è a meno di 800 km via terra.
La macchina che è venuta a prendermi da Beira, la sera prima ha rotto la cinghia della ventola a 90 km dal fiume Zambesi. L'autista ha fatto 20 km a piedi prima di trovare un luogo con la rete del cellulare e poi un trattore che l'ha rimorchiato fino al fiume. È arrivato alle 21. Al mattino dopo alle 8 era ad aspettarmi sulla riva. Per fortuna il nostro viaggio fino a Beira è andato benissimo. Siamo arrivati alle 15:30.
Qui abbiamo trovato 41 pazienti ad attenderci, fiduciose di trovare la guarigione. Ma tante sono un numero impossibile da operare. Oggi ne abbiamo operate 5 e la prossima sessione saranno 7.
Sono in casa dei Gesuiti e mi trovo bene, Esco alla mattina alle 7.15 e ritorno dopo le 17.
A tutti voi un caro saluto.
Aldo


29 novembre 2008
Carissimi,
vi scrivo qualche notizia del mio viaggio a Beira e del ritorno. Mi sono accorto di non averlo ancora fatto, travolto dalle cose lasciate in sospeso dopo 15 giorni di assenza. Delle 41 pazienti ne abbiamo operate 28. Otto le abbiamo rinviate per una sessione di deviazione degli ureteri da farsi in marzo, alla fine del mese, a Beira. Le altre cinque non erano casi di fvv e quindi non sono entrate nella lista.
Il grande chirurgo di fistole del Kenya, Dr. Thomas Raassen non è venuto perché la moglie ha avuto una colica biliare il giorno prima della partenza, ed è rimasto ad assisterla. Quindi ho dovuto tirare avanti la baracca io. Erano stati invitati anche il Dr. Rosario di Quelimane e il Dr. Leite di Nampula, entrambi miei allievi. È stato per loro un'occasione bella per conoscere gli altri apprendisti chirurghi di fvv del Mozambico e per stringere lacci di solidarietà nel comune impegno di aiutare quelle pazienti ad uscire dal loro tunnel. Debbo dire che vari di loro sono già ad un buon livello e che ormai la chirurgia delle fvv sta diventando abbastanza diffusa nella regione Centro e Nord del paese.
Anche il ritorno è stato via terrestre. La strada buona ha aiutato a portare la fatica del viaggio.
A Quelimane ho trovato molte persone e ad aspettarmi per dirigerle nei loro problemi di salute. Seguo anche un certo numero di casi di chemioterapia per cancro della mammella, linfomi di Burkitt, di Hodgkin, sarcomi di Kaposi in malati di AIDS. Faccio loro lo schema previsto dai protocolli, calcolando le dosi in base alla superficie corporale. Vari di loro avevano raggiunto il giorno del nuovo ciclo. Sono pazienti che esigono abbastanza dedizione e tempo.
Le operazioni sono ancora molte da realizzare prima della mia partenza. Per quanto mi impegni e non marcare più interventi, ci sono sempre casi che esigono un'eccezione e quindi la lista si infittisce.
La salute continua bene e lavoro senza troppa fatica.
Stiamo aspettando che arrivi la benedetta pioggia. Tutto è secco e riarso. La tv informa che ci saranno piogge regolari. Quasi ogni sera prevede pioggia e temporali su Quelimane, ma il cielo continua azzurro da un canto all'altro dell'orizzonte. Circa dieci giorni fa il sole ci ha scavalcati ed ora è più a sud di noi. Le ombre sono invertite.
Aldo


29 novembre 2008
Cara Maria Teresa,
dopo giorni di pressione alta di lavoro, oggi ho cercato di mettermi in pari.
Ti ho scritto per avere qualche cosa che occorre, ma la cosa principale è che il nostro fondo è al rosso, qui a Quelimane ed arriviamo a malapena a coprire le spese degli stipendi e del latte fino a fine anno.
Case e carrozzine sono sospese per ora.
Avremmo bisogno di almeno 3000 euro per i primi mesi del 2009.
Manda anche le quote adozioni che hai ricevuto in questi ultimi tempi, tramite padre Gianni che viene a Quelimane attorno a Natale, perchè le suore fanno i conti con quelle offerte. La vita è rincarata molto e la pressione dei poveri è grande

Aldo


P. Aldo Marchesini
C.P. 300
60100 Quelimane
Moçambique
padre.aldomar@gmail.com
Torna al menu
Utenti online