Padre ALDO MARCHESINI
Medico e Missionario Dehoniano a Quelimane (Mozambico)
Sito Ufficiale
Sabato  25-11-2017   ore  6:54    Buongiorno   IP 54.81.139.56
(Auguri a Padre Aldo per i suoi 43 anni di attività in Mozambico!)
Archivio delle lettere di Padre Aldo a partire dal 10-12-00
Clicca sul nome del file scelto per leggerne ora il contenuto, oppure clicca qui per scaricare
tutte le vecchie lettere dal 10-12-00 al 20-07-16 in formato compresso ZIP (KB 274,8)[2007]

LETTERE

dal 10-12-00 al 28-05-01

dal 29-05-01 al 22-11-01

dal 02-12-01 al 29-04-02

dal 03-05-02 al 28-11-02

dal 07-12-02 al 07-09-03

dal 14-09-03 al 04-01-04

dal 20-01-04 al 14-04-04

dal 08-05-04 al 14-12-04

dal 02-03-05 al 10-09-05

dal 23-09-05 al 05-02-06

dal 24-02-06 al 12-11-06

dal 10-12-06 al 31-03-07

dal 29-05-07 al 12-11-07

dal 24-11-07 al 05-09-08

dal 27-01-09 al 20-03-09

dal 16-05-09 al 27-09-09

dal 12-04-10 al 30-05-10


Padre Aldo
Qui sono archiviate le raccolte delle lettere di Padre Aldo a partire dalla data di origine del presente sito.
Qui è contenuta una importante storia di alta professionalità, di grande altruismo, una cronaca quasi quotidiana degli enormi problemi di un popolo senza colpa e della silenziosa ed eroica lotta di un piccolo grande medico che, incurante delle difficoltà, riesce a curare persone malate grazie all'aiuto di molti benefattori.
Una storia da rileggere e da non dimenticare.


LETTERE

dal 16-11-10 al 23-01-11

dal 11-04-11 al 12-06-11

dal 14-07-11 al 03-12-11

dal 24-12-11 al 14-03-12

dal 25-05-12 al 18-08-12

dal 22-06-13 al 13-07-13

dal 22-06-13 al 20-09-13

dal 22-10-13 al 01-12-13

dal 08-12-13 al 10-03-14

dal 22-03-14 al 21-09-14

dal 02-10-14 al 27-11-14

dal 13-12-14 al 17-02-15

dal 04-06-15 al 29-08-15

dal 06-10-15 al 23-11-15

dal 20-02-16 al -.t-xt

dal 26-03-16 al 13-06-16

dal 25-06-16 al 20-07-16

dal 24-11-07 al 05-09-08
Quelimane, 24-11-2007. Domattina partirò per Milange, località che è al confine con il Malawi, a circa 400 km da Quelimane. Aprirò le casse contenenti l'attrezzatura per la sala operatoria di Milange: letti, lampade scialitiche, apparecchi per l'anestesia, ferri chirurgici, autoclavi ecc. Spero che ci sia tutto. Avrò a disposizione lunedì e martedì. Mercoledì dovrò rientrare a Quelimane. A Milange sarò ospite dei padri cappuccini. Il posto è bello, simile al Gurúè, con piantagioni di the. Al ritorno lavorerò a pieno ritmo fino al 6 dicembre. Dal 7 al 21 dicembre avrò 15 giorni di ferie. Andrò a Milevàne, dove c'è pace, silenzio e solitudine. Qui a Quelimane, al cancello dell'ospedale, c'è sempre gente che mi ferma e mi si stringe attorno. Un gruppo mi aspetta davanti all'entrata del pronto soccorso. Un altro mi attende al varco quando entro nel reparto di chirurgia. Perfino quando opero, ci sono persone che vengono a cercarmi tra un intervento e l'altro. Quando vado a celebrare messa da qualche parte, in sacrestia arrivano a chiedermi un biglietto per una visita medica. Per un censimento sono andato all'ufficio stranieri, dove un impiegato mi ha mostrato un suo gonfiore retromandibolare. Era un grosso lipoma (che ho già operato). Ogni volta che mi appisolo per 20 minuti sùbito dopo pranzo (oppure alle 16, se le operazioni si prolungano), qualcuno immancabilmente mi chiama sul telefono fisso o sul cellulare. Insomma, non c'è tregua. Questo stress ininterrotto, per mesi, tutti i giorni - comprese le domeniche e le feste - mi spinge ad agognare un periodo di solitudine. Beata solitudo, sola beatitudo! Sarò di nuovo in servizio dal 22 dicembre all'1 gennaio, poi andrò ancora a Milevàne per gli esercizi spirituali comunitari e per l'assemblea semestrale dei padri dehoniani. Mi resteranno sei giorni che vorrei sommare ai 20 che mi sono stati concessi per i controlli in Italia (li farò a primavera inoltrata). Sono stato invitato dall'ospedale di Nampula a insegnare la chirurgia delle fistole vescico-vaginali, dal 27 gennaio al 3 febbraio 2008, cui seguirà analoga iniziativa all'ospedale di Beira, a fine febbraio. [...] Ho fatto il controllo dei CD4: l'esito è buono. Infatti sono passato da 420 a 541 CD4, 36%. La creatinina si mantiene sempre alta: 1, 70 mg/dl (nel controllo precedente il valore era di 1, 75). Ho buon appetito e da un mese in qua ho ricominciato ad aumentare di peso (quasi 2 kg). La prostata non mi dà grossi fastidi. [...] L'ultima urgenza è stata per me l'1 ottobre. Da allora ne sono stato esonerato. Tuttavia il lavoro è sempre molto. Le persone che mi rincorrono vogliono tutte una visita medica da me. Alcuni casi sono urgenti. Fatto sta che non sono ancora riuscito a prendere la penna in mano. Quando ci riuscirò, allora sarò soddisfatto. Quelimane, 6-12-2007. Si avvicina la mezzanotte. Sto finendo di sistemare la posta elettronica. Non ho ancora preparato la valigia. Domattina partirò alle 8:30 assieme al provinciale mozambicano padre Carlos e al confratello padre Messias. Destinazione: Gurúè. Assisterò ai primi voti di tre novizi, poi proseguirò per Milevàne. Porto con me una valigetta di libri e quaderni, per avere la teorica possibilità di leggere e studiare. Per ora ho in circolo litri di adrenalina e mi sento in forze. Ritornerò a Quelimane il 21 dicembre, per riprendere il lavoro il 22. Poi il 2 gennaio 2008 mi recherò a Milevàne per gli esercizi spirituali comunitari e per l'assemblea semestrale dei padri dehoniani. [...] Ho un paio di richieste: 1) potete inviarmi un po' di tamoxifene da 20 mg per le pazienti operate di cancro al seno? 2) Potreste cercare un recipiente di vetro da 5 litri, che abbia una bocca grande in cima e una piccola in basso, dove collegare il tubo di deflusso per il liquido d'irrigazione (quando si operano le prostate)? L'urologo ne opera almeno 3 alla settimana e sta già finendo le sacche di sorbitolo e mannitolo che avevamo acquistato all'ISI (furono 400). Qui in missione succede spesso di constatare inaspettatamente la verità di certi passi della Scrittura. In questo caso mi è capitato come al contadino della parabola, il quale, dopo aver seminato, torna a casa e dorme. Senza che egli sappia come, il seme germoglia, butta la spiga e matura. Così avviene delle vostre offerte, cari amici e benefattori. Buon Natale! Quelimane, 21-12-2007. Sono tornato da Milevàne, dove ho passato 12 giorni distensivi, immerso nel silenzio e nella solitudine, in un ambiente molto riposante. Abbandonata la tensione e la stanchezza, sono sceso nel mio intimo. La comunità dei padri dehoniani è di 4 persone: tre mozambicani e un italiano. Ci riunivamo per la messa, l'adorazione, per "lodi e vespri" e per le refezioni. Poi me ne andavo in un posto rilassante a meditare, a leggere e a pregare. Avendo il computer in casa, nelle ore di pioggia ho finito il racconto O fiore notte!, che vi invio. L'avevo scritto un paio di anni fa, ma non ero arrivato oltre la metà, per mancanza di tempo. La stagione è stata fresca e ventilata. Al mattino il cielo era sereno, verso mezzogiorno s'annuvolava, al tramonto si schiariva, dopo 2 o 3 ore di pioggia battente. Il viaggio di ritorno è stato accidentato: la strada asfaltata era piena di buche nel tratto di 70 km tra Mocuba e Nampevo, poi proseguiva sterrata per 54 km. Giunto a Nicoadala (a 35 km da Quelimane), mi sono fermato per comperare alcuni abacaxí (= ananas). Ho sentito un sibilo: una ruota posteriore stava sgonfiandosi. La provvidenza ha voluto che proprio lì accanto ci fosse una tettoia che funzionava da officina, con il necessario per smontare i pneumatici e rappezzare le camere d'aria. Il meccanico ha tirato giù la ruota (operazione complicatissima), ha ripetuto per tre volte il rappezzo (perché usciva sempre un po' d'aria), l'ha rimontata e mi ha chiesto 100 meticais, corrispondenti a 2, 70 euro. Ho ammirato nei meccanici di qui la tenacia con cui riescono a superare con vari stratagemmi le numerose difficoltà che sorgono dall'avere a disposizione strumenti stravecchi. Con altri 100 meticais ho comprato 10 abacaxí. Auguri di Buon Natale a tutti! Quelimane, 25-12-2007. Avrei bisogno di più soldi per aiutare negli studi alcune persone meritevoli. Qui le tasse d'iscrizione sono salite vertiginosamente e il caro-vita è divenuto insostenibile. Si possono creare altre borse di studio? [...] Ho ancora molte cose in arretrato a cui pensare, ma devo andare a letto, perché domani ho grandi operazioni. [...] Il bario è arrivato. I cateteri venosi più utili sono i nn. 18-20-22-24. Attendo i vostri cateteri venosi centrali (CVC), 50 pediatrici e 50 per adulti. Grazie e buonanotte. Quelimane, 29-12-2007. Il pacco di posta celere non è ancora arrivato. Poiché il 2 gennaio partirò per Milevane e tornerò l'11 gennaio, fino a quell'epoca non potrò averne notizie. Vi auguro una fine d'anno tranquilla e silenziosa. Sto predicando gli esercizi spirituali a 4 suore che studiano e che in gennaio non possono farli con la loro congregazione. Al mattino lavoro in ospedale e al pomeriggio predico dalle 16:30. Finirò la predicazione degli esercizi per l'ora di cena dell'ultimo dell'anno con la messa di ringraziamento. Quelimane, 22-1-2008. Sto per andare a Nampula per insegnare a due tecnici di chirurgia come operare le fistole vescico-vaginali. Debbo andarvi in automobile, perché si sono rotti due aerei e fino a marzo non ci saranno voli tra Quelimane e Nampula. Sono arrivati i cateteri venosi centrali. Vanno benissimo. Sono di gran lunga i migliori fra quelli che mi avete inviato finora. Grazie. Sono giunte anche le prime 8 scatole degli antibiotici di Trevisan. Se ne avete ancora, vi prego di mandarmele. Quelimane, 4-2-2008. Sono tornato ieri da Nampula dopo un viaggio di 10 ore. Sono 550 km, di cui circa 100 in cattive condizioni. Le lezioni sono andate abbastanza bene. Nampula è meno efficiente di Beira. Gli alunni sono meno brillanti, ma penso che anche loro impareranno. Tra l'altro abbiamo operato un'elefantiasi dello scroto, cosa che nessuno là aveva mai visto. Basta assistervi una volta e qualunque chirurgo un po' esperto può replicarla da solo. È rimasta da operare una donna a cui è necessario deviare gli ureteri nel retto. Non abbiamo avuto tempo né di prepararla all'intervento, né tanto meno di operarla. Nessuno a Nampula sa fare questa operazione. Il più interessato è l'urologo cubano che s'è reso conto di quanti casi simili avrebbero bisogno di quell'intervento. Conclusione: dovrò tornare. [...] Avrei programmato di arrivare a Milano il 20 o il 21 aprile 2008. Quest'anno vorrei restare in Italia circa un mese, in modo da poter fare le cose con più calma. Quelimane, 23-2-2008. Ho ricevuto tutte le cefalosporine in fiale. Oggi sono arrivate amlodipina, nifedipina e varie altre medicine. Questa settimana è venuta pure una montagna di calendari e agende per la felicità di moltissimi. Tutti vi ringraziano. Quelimane, 24-2-2008. Quanto alla mia salute, ora sto meglio. A Nampula ho passato una settimana con febbrìcola fra 37 e 38 gradi, controllata abbastanza bene con paracetamolo. Fra l'altro, ho operato un'elefantiasi dello scroto. Durata dell'intervento: 6 ore. Sono uscito dalla sala operatoria in un bagno di sudore. Dopo il mio ritorno a Quelimane, sono migliorato e rapidamente guarito. Ho fatto un emocromo: avevo 900 linfociti in tutto. Dopo due settimane ho fatto il controllo dei CD4 e della carica virale: CD4 560 (più che buono). Carica virale: nessun risultato. [...] Il lavoro è sempre molto. Con tutta la mia buona volontà non riesco a diminuirlo. Dal ministro della sanità ho ottenuto di inserire nel mio contratto la clausola di esonero dalle urgenze. Ciò mi garantisce una maggiore tranquillità. Infatti di notte riesco a dormire e non lavoro in ospedale il sabato pomeriggio e la domenica. [...] Andrò a Beira dal 3 al 9 marzo. Il 13 aprile vorrei andare a Molócuè per l'ordinazione sacerdotale di un confratello mozambicano: padre Artur. La sera del 13 aprile proseguirei via terrestre per Nampula, dove mi aspetta una settimana di operazioni, tra cui un paio di deviazioni degli ureteri nel retto sigmoide, secondo una tecnica inventata nel 1993 da alcuni urologi tedeschi: Mainz Pouch II. Il più interessato è l'urologo cubano, che non la conosce e pensa che gli sarà utile apprenderla. Alla fine della settimana partirei in aereo da Nampula per Maputo-Lisbona-Milano. In Italia resterò fino al 28 maggio. Ho due inviti: uno a Roma dal 3 al 5 maggio, l'altro ad Albino (BG) il 25 maggio. Quelimane, 1-3-2008. Tra dieci minuti andrò in aeroporto per volare a Beira. Il volo, che doveva essere lunedì prossimo, è stato anticipato a oggi sabato. Meglio così, perché a Beira 22 pazienti con fistola sono in attesa. Gli alunni anziani sono già abbastanza bravi; i due nuovi avranno occasione, nei prossimi giorni, di fare pratica. A Beira sono a disposizione due letti operatorî e due équipes complete. Domattina (domenica) faremo il censimento con diagnosi e il programma operatorio. Lunedì cominceremo a operare. In caso di necessità potremmo operare anche domenica 9 marzo, poiché il volo che mi riporterà a Quelimane è previsto per le 17:30. [...] Nei prossimi giorni arriveranno 5 nuovi alunni di chirurgia, che resteranno a Quelimane fino a dicembre. Saranno uno stimolo e anche un aiuto. Porteranno una ventata di gioventù desiderosa d'imparare e vogliosa di muovere le mani. Ora corro in aeroporto. Quelimane, 3-3-2008. A Beira ho trovato 27 pazienti (anziché 22), visitate e catalogate domenica mattina. Di queste, 2 non hanno fistola, ma solo incontinenza a causa di infezioni vescicali. Delle altre 25, tre hanno una fistola retto-vaginale, nove devono essere operate con deviazione dell'urina nel retto: sono casi disperati con disastri anatomici incorreggibili. In questa settimana ne opereremo tre. Le altre sei le faranno il dr Miranda e un chirurgo olandese che lavora nell'ospedale di Beira, molto bravo e con molta esperienza: ha 63 anni. In questi giorni sono ospite dei Gesuiti di Beira. Hanno una vita molto indipendente: ognuno ha il suo ministero. Anche gli ospiti hanno la massima libertà e autonomia. Di salute sto bene. Spero che le fistole si chiudano tutte e che gli alunni divengano sempre più abili in questa particolare chirurgia. Beira, 8-3-2008. Ho finito le operazioni qui a Beira. Domani sera sarò di ritorno a Quelimane. Abbiamo operato 19 pazienti; ne sono rimaste altre nove, i cui ureteri dovranno essere deviati nel retto. È stata una settimana impegnativa. Abbiamo lavorato dalla mattina fino alle 18. Tutti sono rimasti contenti, perché si sono potuti esercitare con un supervisore in casi al limite della loro abilità. Hanno fatto quindi passi avanti nel dominio delle varie tecniche. Tutte le fistole sono state chiuse, meno una, che ho operato io: un caso estremamente complicato. Sarà necessario deviare l'urina nel retto. Quelimane, 21-3-2008. Quest'anno celebrerò i riti della settimana santa in parrocchia, qui alla Sagrada Família. Il giorno di Pasqua visiterò il carcere chiamato Calabouços, dove finiscono i delinquenti pericolosi e i detenuti in attesa di giudizio. I reclusi sono un'ottantina. Non c'è un infermiere residente. Debbo distribuire le medicine e fare le visite che mi sono richieste. [...] Sto preparando il calendario delle operazioni e quello delle visite ambulatoriali, per poter partire alla metà di aprile per Nampula, poi (il 19 aprile) prendere il volo per Malpensa, dove dovrei arrivare alle 11:50 di domenica 20 aprile. Ripartirò da Milano il 27 maggio, per fare ritorno in Mozambico. [...] Abbiamo finito l'atropina, per cui dobbiamo cancellare le operazioni non di emergenza. Ciò sovverte la mia programmazione. O sposto la maggioranza dei pazienti a dopo il mio ritorno, o li accatasto in sedute-fiume dopo l'arrivo dell'atropina. [...] Auguro a tutti voi Buona Pasqua e arrivederci a presto. Quelimane, 29-3-2008. Ecco il calendario degl'impegni in Italia: arrivo alla Malpensa domenica 20 aprile alle 11:50. Trasferimento a Bologna martedì 22 aprile. Il 23 aprile alle 8:00 inizio della raccolta delle urine per la clearence della creatinina. Il 24 aprile visita e prelievi al day hospital (la seconda visita sarà dopo il 5 maggio in data da fissare). Dal 2 al 5 maggio: partecipazione al Forum sull'AIDS organizzato a Roma dall'Unione Superiori e Superiore Generali in regime d'internato. Ad Albino il 25 maggio: giornata di spiritualità annuale dell'onlus "Amici della scuola apostolica" di Albino. Il 27 maggio: partenza dalla Malpensa alle 12:10. [...] Ho trovato in un magazzino un resto di atropina dimenticata, con scadenza il 31 marzo 2008. Così ieri ho potuto fare una deviazione degli ureteri nel retto sigmoide. Lunedì ho operato due fistole, mercoledì una fistola e un idrocele gigante, venerdì un'elefantiasi dello scroto.
Oggi è arrivato a Quelimane il nuovo vescovo, Dom Hilário da Cruz Massinga. Era vescovo di Lichinga. Domani ci sarà festa solenne per il suo insediamento. Il 12 aprile prossimo partirò per Alto Molócuè, dove un mio confratello mozambicano (padre Artur) sarà ordinato sacerdote. La sera del 13 proseguirò alla volta di Nampula per deviare a una paziente gli ureteri nel retto e per operare un'elefantiasi dello scroto, nonché qualche fistola. Venerdì 18 aprile volerò da Nampula a Maputo e il 19 sera salirò sull'aereo che mi porterà a Lisbona e a Milano. Quelimane, 7-4-2008. Sto mettendo a punto le cose per poter lasciare Quelimane il prossimo sabato. Spero di non dimenticare nulla! Questa settimana ho solo una fistola da operare (mercoledì). Non è bene fare operazioni impegnative e sùbito dopo partire. Qui a Quelimane c'è la riunione dei superiori delle comunità. Fa piacere questa rimpatriata fra tanti confratelli che vivono sparsi per il Mozambico. Ieri sono stato alla prigione per salutare, prima di partire, i miei pazienti là reclusi. Il padre Carlos Lobo, il provinciale, ha promesso che andrà a celebrare la messa durante la mia assenza. Quelimane, 11-4-2008. Ho ricevuto ieri le cariche virali di agosto 2007 (130 copie virali), di novembre 2007 (meno di 50 copie) e di febbraio 2008 (200 copie), mentre i CD4 sono rimasti sopra i 450. Non so se siano rialzi significativi. Ne parlerò al day hospital di Bologna. [...] Sono arrivati numerosi pacchetti, fra cui i colliri timoptol e pilocarpina e le 80 fiale di atropina. Molto ceftriaxone. Grazie di cuore. Il dott. Turco, oculista, mi prega di chiedervi 5 lampadine per la lampada a fessura. Nampula, 14-4-2008. Oggi ho cominciato la settimana di "fistole e non solo" all'ospedale di Nampula. Stamani ne abbiamo operate due: una io per dimostrazione, la seconda il dr Leite, direttore del reparto di chirurgia. Ho trovato due nuovi alunni, desiderosi d'imparare. Domattina faremo una sessione accademica, prima di operare la terza fistola. [...] Ho notato che nelle quattro sale operatorie di questo ospedale le lampade scialitiche hanno ciascuna appena una lampadina funzionante. Se il prezzo fosse accessibile, vorrei ordinarne quattro set completi (4 × 32 = 128).
Il viaggio in Italia di p. Aldo dal 20 aprile al 27 maggio 2008 ha provocato ovviamente un'interruzione della corrispondenza, che è ripresa il 20 giugno(n.d.r.).

Quelimane, 20-6-2008. Cari amici dell'UNIFAM, vi ringrazio per il vostro aiuto che ci consente di portare avanti il progetto del latte maternizzato per i neonati orfani e per quelli le cui mamme non riescono ad allattarli. Il tema del latte mi dà l'occasione di parlarvi di un altro grosso problema che abbiamo in Mozambico riguardo ai neonati: quello dell'infezione dell'HIV che ricevono dalla loro mamma al momento del parto. Vi prego di considerare l'ansia e il timore che accompagnano ogni nascita da una madre infetta. Non tutti i figli partoriti da una mamma malata di AIDS hanno il virus nel sangue. Tutti però alla nascita sono sieropositivi, anche i non infetti, per via del passaggio degli anticorpi anti-HIV durante la gravidanza. Questi anticorpi oltrepassano la barriera placentare ed entrano nel sangue del feto. Quindi ogni mamma sieropositiva dà alla luce un figlio sieropositivo. Per sapere se il figlio sieropositivo appena nato è infetto o solo portatore degli anticorpi, bisogna attendere 18 mesi, fino a quando gli anticorpi ricevuti dalla mamma scompaiono dal sangue. Il cuore di una mamma non è indifferente a questo dilemma, ma deve pazientare. Un mezzo per sapere sùbito se il neonato ha il virus nel sangue sarebbe quello di fare un conteggio della carica virale. Ma questo esame, molto costoso, sono in grado di farlo solo tre ospedali del paese. Si deve quindi ricorrere al mezzo diagnostico più semplice e antico: quello di lasciare alla natura il compito di manifestare la verità con il passare del tempo. Un altro grosso problema per il Mozambico è quello dei bambini orfani. Il numero delle madri che muoiono di AIDS o di altre malattie è molto alto. Quando una mamma muore, la prima questione da affrontare è quella dell'allattamento. Chi si prende cura del bambino? Per fortuna la famiglia africana è allargata e solidale: cugini, cognati, zii e prozii sono tutti familiari "stretti", che non esitano ad assumere le proprie responsabilità. Gli orfani sono accolti o da un fratello o da una sorella del genitore morto o dai nonni. La solidarietà verso gli orfani è forte, ma condiziona pesantemente la qualità della vita di tutte queste famiglie solidali. Quando si va a visitare qualche famiglia, si scopre quasi sempre che, oltre ai figli (non meno di tre), ci sono anche due o tre nipotini, figli di un fratello o di una sorella o di un cugino morti. Le entrate familiari sono sempre le stesse (cioè scarse), ma di fronte al dovere di accogliere i nipoti orfani non si bada ai sacrifici. Dove prima si mangiava in cinque, ora bisogna mangiare in sette o in otto. Senza contare le spese del vestire, delle penne, dei quaderni e del materiale scolastico. I bambini orfani in Mozambico oltrepassano largamente il milione (su 19 milioni di abitanti). Si può capire come il loro peso gravi sulla qualità della vita di molte famiglie povere e come sia rimandata di parecchi anni la speranza di migliorare la propria situazione economica. Nonostante la grande solidarietà, esistono sempre casi di bambini abbandonati (perché non hanno nessuno che si prenda cura di loro). Così negli ultimi decenni sono nati istituti e centri di accoglienza, gestiti da suore, con lo scopo di dare vitto, alloggio e mestiere agli orfani abbandonati. La soluzione più diffusa è stata quella delle adozioni a distanza, che ha trovato largo favore non solo in Italia, ma anche in Europa. Con 25 euro al mese si può mantenere un orfano. Quelimane, 24-6-2008. Sono sempre di corsa. La pressione dei malati è così forte, che per alleggerirla ho dovuto dedicare alle visite mediche un terzo giorno, cioè il venerdì pomeriggio. Basterà? [...] Sono arrivati il bario e l'iopamiro, nonché l'imigran e 16 cerotti alti 10 cm. Quelimane, 25-6-2008. Oggi qui si festeggia l'Indipendenza Nazionale. Ho ripreso il lavoro con intensità. In luglio dovrei andare a Nampula per operare fistole. La vita della gente è sempre più difficile: i prezzi continuano a crescere e gli stipendi, per i pochissimi che ne hanno uno, sono miserrimi. Siamo continuamente sollecitati ad aiutare questo e quello, ma è triste non uscire da una solidarietà di tipo assistenziale, per rimediare situazioni disperate. Non si riesce a creare lavoro. Quelimane, 29-6-2008. Sto riprendendo in mano la situazione un po' alla volta. Dovrò recarmi a Nampula e restarvi fino al 19 luglio per una campagna di fistole. Una bella notizia: il dr Rosário ha finalmente avuto il coraggio di operare fistole vescico-vaginali (fvv) da solo. Infatti durante la mia permanenza in Italia, ne ha operate due con successo. Nel prossimo viaggio a Nampula ho messo in lista per lui tre fvv abbastanza semplici, che spero opererà con altrettanto successo. Devo consolidare il gruppetto di allievi di Nampula. Spero di poter radunare una serie consistente di fvv di complessità limitata, che siano utili come esercizio d'apprendimento. [...] La mia salute è buona. Passo il tempo libero ad aprire pacchetti e a mettere in ordine il materiale ivi contenuto, per la sua utilizzazione in ospedale. Quelimane, 10-7-2008. Sono arrivate le sonde naso-gastriche, le strisce per la glicemia e l'imbuto di fratel Priùli, chirurgo camilliano del Benin, per raccogliere il sangue dalla pancia nelle rotture di gravidanza ectopica o di milza. Prima di partire ho fatto il controllo della cretinina, che è risultato di 1, 65 mg/dl. Quindi essa è passata da 1, 60 a 1, 65. Ma potrebbe essere un'oscillazione di laboratorio. Quelimane, 19-7-2008. Sono appena rientrato a Quelimane dopo quasi due settimane d'assenza. Riguardo alla campagna di fistole a Nampula, le pazienti sono arrivate un po' alla volta. Sono riuscito a operarne 14. Purtroppo gli alunni non sono arrivati. La disorganizzazione è abbastanza seria nella provincia di Nampula. Ho potuto operare un caso di deviazione degli ureteri in una tasca costruita ad hoc, unendo una porzione di retto a una di colon distale, secondo la tecnica Mainz Pouch II, capace di risolvere molti casi estremi in urologia. Questo intervento mi ha dato grande soddisfazione, perché, pur essendo in sé non troppo difficile, è delicato e lungo. Il dr Alfonso, urologo cubano che lavora all'ospedale centrale di Nampula, e io abbiamo impiegato 4 ore e mezza per portare a termine con successo l'operazione. Ho imparato questa tecnica aiutando una sola volta il prof. Woodhouse, presidente della Società Britannica di Urologia, tre anni fa durante un seminario urologico a Maputo. A mia volta ho insegnato al dr Alfonso ciò che avevo appreso dall'illustre chirurgo inglese. È bello trasmettere ad altri un'abilità in grado di risolvere casi apparentemente insolubili. Questo mi ha ripagato della delusione di non aver avuto alunni partecipanti alla campagna delle fistole.
A Quelimane m'aspetta un ciclo impegnativo di operazioni. Lunedì una nuova deviazione degli ureteri, poi due elefantiasi scrotali giganti e una del grande labbro vulvare. [...] Sono arrivate 92 fiale di vaccino antirabbia. Grazie. Quelimane, 27-8-2008. Le medicine orali che mi inviate sarebbe bene che fossero senza scatola: solo i blister tenuti insieme da un paio di elastici. È arrivato il materiale della Vestal. Avrei bisogno di almeno 300 compresse di Tamoxifene da 20 mg per le pazienti operate di cancro al seno. Le ho finite. Ho finito anche il vycril 3/0 (costoso filo di sutura per le fvv.). Ringrazio Franchini per gli occhiali e per Ceftriaxone in fiale, Piroxam in fiale, Amoxicillina in cpr e Nimesulide in cpr. Quelimane, 31-8-2008. Altre tre richieste: 1) Estalis Sequi 50/250 cerotti transdermici, in quantità bastante per un anno; 2) Amlodipina da 10 e da 5 mg; 3) cateteri vescicali semplici n. 14, 16 e 18, i più economici, 200 di ogni numero. Finanziariamente siamo alle strette. Abbiamo bisogno di un aiuto della Provvidenza. Quelimane, 5-9-2008. Avrei bisogno di strisce per la glicemia di tre tipi: ascensia, one touch, accu check compact plus. Sono stato molto impegnato nel recuperare il lavoro arretrato. Ora mi sono rimesso in pari. La richiesta di visite mediche è incessante. A ogni varco trovo qualcuno che mi chiede un biglietto per prenotare una visita. La presenza del prof. Viñas è stata molto utile: mi ha aiutato in alcune operazioni difficili. Di salute mi sento bene. Oggi ho fatto i prelievi per i CD4 e la carica virale, nonché per la creatinina. Ma non so se sono arrivati i reagenti. Questa è l'ultima settimana in cui prendo antibiotici per la prostata. Alla fine del mese ripeterò il PSA. [...] Il prossimo 7 settembre sarà festa nazionale: si celebrerà l'anniversario degli accordi di Lusaka, che sancirono la pace con il Portogallo e la fine del regime coloniale. Un caro saluto.
Padre Aldo Marchesini

N. B.: Nella futura dichiarazione dei redditi sarà possibile destinare il cinque per mille dell'irpef all'onlus MSA, il cui codice fiscale è 91184390374. Basterà apporre la propria firma nello spazio dedicato al « sostegno del volontariato, delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale, delle associazioni e fondazioni » e scrivere il codice fiscale del beneficiario. L'Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale Medical Support for Africa, CF 91184390374, destina il denaro così raccolto al finaziamento delle iniziative umanitarie promosse da padre Aldo [n.d.r.].
Non costa nulla al cittadino, è lo Stato che ha deciso di rinunciare al 5‰ delle entrate fiscali a favore delle ONLUS. Se non firmi per MSA, i soldi andranno a qualche altra organizzazione che neppure conosci. Firma quindi per l'MSA!!
( modificato in data 3-12-2012)
Torna al menu
Utenti online