Padre ALDO MARCHESINI
Medico e Missionario Dehoniano a Quelimane (Mozambico)
Sito Ufficiale
Sabato  25-11-2017   ore  6:53    Buongiorno   IP 54.81.139.56
(Auguri a Padre Aldo per i suoi 43 anni di attività in Mozambico!)
Archivio delle lettere di Padre Aldo a partire dal 10-12-00
Clicca sul nome del file scelto per leggerne ora il contenuto, oppure clicca qui per scaricare
tutte le vecchie lettere dal 10-12-00 al 20-07-16 in formato compresso ZIP (KB 274,8)[2006]

LETTERE

dal 10-12-00 al 28-05-01

dal 29-05-01 al 22-11-01

dal 02-12-01 al 29-04-02

dal 03-05-02 al 28-11-02

dal 07-12-02 al 07-09-03

dal 14-09-03 al 04-01-04

dal 20-01-04 al 14-04-04

dal 08-05-04 al 14-12-04

dal 02-03-05 al 10-09-05

dal 23-09-05 al 05-02-06

dal 24-02-06 al 12-11-06

dal 10-12-06 al 31-03-07

dal 29-05-07 al 12-11-07

dal 24-11-07 al 05-09-08

dal 27-01-09 al 20-03-09

dal 16-05-09 al 27-09-09

dal 12-04-10 al 30-05-10


Padre Aldo
Qui sono archiviate le raccolte delle lettere di Padre Aldo a partire dalla data di origine del presente sito.
Qui è contenuta una importante storia di alta professionalità, di grande altruismo, una cronaca quasi quotidiana degli enormi problemi di un popolo senza colpa e della silenziosa ed eroica lotta di un piccolo grande medico che, incurante delle difficoltà, riesce a curare persone malate grazie all'aiuto di molti benefattori.
Una storia da rileggere e da non dimenticare.


LETTERE

dal 16-11-10 al 23-01-11

dal 11-04-11 al 12-06-11

dal 14-07-11 al 03-12-11

dal 24-12-11 al 14-03-12

dal 25-05-12 al 18-08-12

dal 22-06-13 al 13-07-13

dal 22-06-13 al 20-09-13

dal 22-10-13 al 01-12-13

dal 08-12-13 al 10-03-14

dal 22-03-14 al 21-09-14

dal 02-10-14 al 27-11-14

dal 13-12-14 al 17-02-15

dal 04-06-15 al 29-08-15

dal 06-10-15 al 23-11-15

dal 20-02-16 al -.t-xt

dal 26-03-16 al 13-06-16

dal 25-06-16 al 20-07-16

dal 22-06-13 al 13-07-13
(lettera del 22-6-2013)
Carissimi,
Da quando sono tornato, questa è la prima ora in cui posso lasciare da parte tutte le infinite micro urgenze che si susseguono senza interruzione quando si ritorna dopo un tempo prolungato di assenza.
Sono arrivato sabato scorso a Quelimane, a mezzanotte. All'aeroporto c'era ad aspettarmi la chefe del blocco operatorio, inf. Geralda ed il collega cubano Gallego.

Mi avevano informato che la chefe Geralda voleva avere un colloquio urgente per le 9:30 in ospedale. Arriva e mi porta fuori, per la città, come se volesse parlare in macchina per un segreto assoluto. Mi fa fermare in un punto del centro e poi scendiamo, e mi conduce al "Caffé Nicola" dove erano riuniti in circolo di sedie e tavolini tutti gli alunni di strumentazione e infermieristica, di cui sono il direttore. Canti e battimani, poi discorsi e richiesta di raccontare le mie ferie e l'avventura del cuore. Alla fine uno spuntino e un brindisi con spumante. Ho notato che la notizia "dell'operazione al cuore" aveva impensierito tutti. Alla domenica, festa dei battesimi di nove carcerati in prigione, con nuovo racconto" dell'operazione al cuore".

Al pomeriggio messa all'Aldeia da Paz con tutte le bambinette, per darmi il ben tornato e per celebrare il Giorno della "Criança Africana".

Al lunedì appena arrivato in ospedale sono condotto nello studio della Dra. Nellia, dove arriva subito la direttrice Virginia, piena di sorriso e di contentezza. Alle 8 mi portano nella sala delle riunioni dove c'erano tutti i responsabili dei vari servizi per festeggiare il mio ritorno e sentire il racconto dell'operazione al cuore. Brindisi con spumante e torta gigante della festa.
La direttrice voleva che tornassi per il controllo ai sei mesi, ma poi l'ho convinta che era un'esagerazione e che gli stessi medici avevano accettato il controllo dopo un anno. Quindi ci rivedremo fra un anno per la visita cardiologica.

Ho ricominciato a prendere visione dei malati che mi aspettano.

Insomma, ormai mi sono reinserito abbastanza nei vari programmi ed impegni. Tutti mi dicono che devo riguardarmi, specialmente dopo il problema del cuore. Anch'io lo vorrei, ma tutti quelli che vogliono una consulta o un favore, ritengono che il loro caso sia improcrastinabile e bisogna scendere a patteggiamenti che mi esauriscono più delle consulte.

Ah, dimenticavo la cosa più importante: la situazione politica del Mozambico sta precipitando. Dopo il rifiuto da parte del Governo di accettare le rivendicazioni della Renamo, quest'ultima ha messo in pratica le minacce: ieri ha chiuso la strada nazionale Nº1 fra il fiume Save e Muxúngwè, nella provincia di Beira. quattro automezzi assaltati, due morti e cinque feriti. Si viaggia solo in colonne scortate da contingenti militari. Tutti invocano che le parti si siedano per conversare. Oggi grande marcia della pace a Maputo. Temo che non sarà molto facile che la Frelimo accetti di riprendere le conversazioni in breve tempo. Se lo facesse, darebbe l'impressione di cedere ad un ricatto.
Vedremo e speriamo!

Un caro saluto. Aldo

(lettera del 13-7-2013)
Carissimi,
sono arrivato bene a Pemba, in due giorni di viaggio.
Primo giorno, giovedì 11, Quelimane-Nampula, con macchina della Direzione Provinciale e autista, con sosta a Mocuba per vedere due suore con problemi di salute. Pranzo alla missione di Alto Molócuè ospite di padre Onorio che aveva preparato un pranzo solenne. Arrivo a Nampula verso le 16, saluti, riposo e cena. Al mattino dopo partenza in aereo per Pemba alle 11:05 con arrivo alle 11:45. mare e sole, temperatura amena (26º).Ho aspettato in un bar con tettoia di paglia col collega di Pemba che arrivassero anche i due colleghi di Maputo, Dr. Melo e Dr. Ladino. Poi giro per Pemba per lasciare le valigie mie in diocesi e quelle dei due di Maputo in una pensione. Pranzo in un ristorante all'aperto, gallina e riso.

Stamani prima seduta in sala operatoria, messa in moto della macchina della campagna di fvv. È la prima in questa provincia e bisogna spiegare tutto. Sono arrivate 27 pazienti. Da operare sono 25. Abbiamo impiegato 5 ore per esaminarle, classificarle e riempire tutti i fogli statistici. Non c'era internet con il modem di Movitel e quindi il programma della gestione delle fistole non l'abbiamo potuto cominciare. Passeremo i dati cartacei (necessari anche quelli per la campagna) nel programma on line appena tornerà internet.

[ndr: Padre Aldo ha avuto una brillante idea: ci ha chiesto di creare un software per facilitare la gestione delle periodiche sedute in piccoli ospedali sparsi nel territorio della sua provincia per le operazioni di fistole. I vari chirurghi locali scelgono le pazienti ed iniziano a raccogliere le loro storie cliniche ed a rilevare i relativi dati clinici. Tutti questi dati vengono immessi in cartelle cliniche che ogni medico invia ad un programma centrale accessibile a tutti, che risiede su un sito web, in modo che ogni medico coinvolto ed in primis Padre Aldo, possa mettersi rapidamente al corrente di tutti i dati delle pazienti in tempo reale. Questa è una idea brillantissima che ci fa capire quanto Padre Aldo sia intelligente e sia in grado di comprendere rapidamente come usare le più recenti tecnologie.]

Domani, domenica, cominciamo alle 9:30 e servirà per organizzare le operazioni lungo la settimana. Abbiamo tre alunni, uno di Pemba (già sgrossato) e due nuovi fiammanti, uno di Mueda e uno di Montepuez.
Stasera sono già in camera, pronto per dormire, appena spedirò questa e-mail. Buona notte ed un caro salute. buone vacanze!

Aldo
( modificato in data 3-12-2012)
Torna al menu
Utenti online